A Cittadella si può letteralmente camminare nella storia.

Le sue mura medievali sono giunte ai giorni nostri perfettamente intatte e la rendono uno dei sistemi difensivi più belli d’Europa. Passeggiare sul Camminamento di Ronda regala sensazioni magiche e paesaggi stupendi.

Il fascino di Cittadella però non si ferma qui, sono state fatte delle scoperte davvero importanti. Prima di svelarvi di cosa si tratta però vi raccontiamo un po’ di storia sulla città e le sue mura.

 

Cenni storici

Cittadella fu costruita nel 1220 dal comune di Padova, allo scopo di creare un luogo fortificato in una posizione centrale della pianura veneta, per tutelare le zone di confine dalle rivali città di Treviso e Venezia verso le quali si stava espandendo.

Tra il 1237 e il 1256, Cittadella fu terribilmente dominata da un signorotto locale, Ezzelino III da Romano, che nel 1251 fece costruire la Torre di Malta, in cui imprigionava i propri nemici.

Tra il ‘300 e il ‘400 Cittadella è nuovamente nelle mani dei Carraresi di Padova, diventando un punto di riferimento per il territorio padovano.

Nel 1406 la città passa sotto il controllo di Venezia, fino al 1797 quando tutto il nord Italia fu conquistato da Napoleone durante la sua campagna d’Italia. Dal 1815 con il trattato di Vienna passò sotto il controllo austriaco, fino al 1866 quando anche Cittadella entrò a far parte del Regno d’Italia.

Ad oggi Cittadella è un comune della provincia di Padova con più di 20.000 abitanti e una superficie di 36km2.

Le mura

Vista dall’alto la cinta muraria si presenta di forma ellittica con una circonferenza di 1461 metri e uno spessore medio di 2,10 metri. L’altezza media da terra è di 15 metri, ma i torrioni di vedetta arrivano a 30 metri. La muraglia si alterna a 32 torri di varie dimensioni, distanziate una dall’altra da intervalli di circa 40 metri, ciascun intervallo coronato da un parapetto con 10 merli guelfi a due spioventi.

Sono 4 le porte di accesso alla città e ciascuna prende il nome del comune che si trova in quella direzione: Porta Bassano, Porta Padova, Porta Treviso e Porta Vicenza.

Il Camminamento di Ronda

Il Camminamento di Ronda è percorribile e offre punti di vista inediti e privilegiati sulla città. Lungo il percorso sono visitabili le stanze di rievocazione e allestimento medievale nella Casa del Capitano, il Belvedere, il Museo dell’Assedio e il Museo Civico Archeologico all’interno della Torre di Malta.

Da sopra le mura la vista spazia dai Colli Euganei, ai Monti Berici, alla Pedemontana con le città murate di Marostica e Asolo e il Monte Grappa.

 

La scoperta della Cittadella sotterranea

Sotto le mura, Cittadella nasconde un segreto che in pochi conoscono: i tunnel sotterranei. È stato scoperto che sotto le 4 vie principali della città scorrono dei tunnel che portano fino al di fuori delle mura. Questi si presentano come delle volte a botte costruite con mattoni. Gli ingressi individuati sono due: uno si trova sotto la Casa del Capitano mentre l’altro sotto Porta Treviso.

Sono attualmente in corso dei rilievi e degli studi sulla funzione di questi tunnel, che nei prossimi anni verranno in parte restaurati e messi in sicurezza per essere poi aperti al pubblico.

 

Voi lo sapevate? Tra qualche anno si potrà passeggiare anche sotto le mura!

Crediti fotografici:

? foto n. 1 e 2 Cittadella Historia Travel

? foto n. 3 Debora Guoli

? foto n. 4 Sara Favarin

? foto di copertina @gabridalba

 

X